Approvata la legge antisprechi, incentivi e semplificazione burocratica per chi non getta il cibo | Tuttoconsumatori - CNCU

 
03.08.2016

Approvata la legge antisprechi, incentivi e semplificazione burocratica per chi non getta il cibo

Lo scorso marzo la Camera aveva votato la norma sulla lotta allo spreco alimentare. Ieri, con 181 sì, due no e 16 astenuti, il Senato ha dato il via libera definitivo.
La legge, appena approvata, introduce per la prima volta nell’ordinamento italiano i concetti di “spreco” ed “eccedenza” alimentare e, a differenza dell’analoga norma approvata pochi mesi fa in Francia - che si basa sulla penalizzazione- punta sugli incentivi e sulla semplificazione burocratica. Si chiarisce, inoltre, il termine minimo di conservazione e la data di scadenza.

Donare alimenti in eccedenza, per panifici ristoranti e qualunque attività possa avere cibo in eccesso, sarà più facile, grazie ad una semplificazione delle procedure in materia di tracciabilità e norme igienico-sanitarie. 
Sarà così concessa la raccolta dei prodotti agricoli che rimangono in campo e la loro cessione a titolo gratuito e il pane potrà essere donato nell’arco delle 24 ore dalla produzione.

La legge approvata tutela, inoltre, il cosiddetto “family bag”, ovvero il sacchetto d’asporto grazie al quale i clienti dei ristoranti potranno portare a casa gli avanzi della cena.

Novità anche per il campo farmaceutico: infatti, sia gli alimenti che i farmaci con etichette sbagliate - purché le irregolarità non riguardino la data di scadenza del prodotto o l'indicazione di sostanze che provocano allergie e intolleranze- potranno essere tranquillamente donati a titolo gratuito, senza la necessità di alcuna forma scritta. Anche le mense scolastiche, ospedaliere e aziendali saranno coinvolte nella lotta allo spreco.

Si tratta di una norma attesa e auspicata da anni, un passo importante per la nostra società, troppo spesso colpita da ingiustizie e disuguaglianze, verso la lotta agli sprechi e la solidarietà sociale.