E-Commerce: nuova Raccomandazione dell'OCSE per rafforzare la fiducia dei consumatori | Tuttoconsumatori - CNCU

 
04.04.2016

E-Commerce: nuova Raccomandazione dell'OCSE per rafforzare la fiducia dei consumatori

Il Consiglio OCSE del 24 marzo scorso ha approvato la nuova versione della Raccomandazione sul Commercio Elettronico con la quale s'intende rafforzare la fiducia dei consumatori nel complesso e dinamico mercato dell'E-Commerce.
La Raccomandazione è anche il risultato della cooperazione con le economie emergenti, in particolare dell'America Latina e del Sud-Est asiatico e rappresenterà un elemento fondamentale per la prossima riunione ministeriale del Comitato sull'economia digitale che avrà luogo a Cancun il prossimo giugno.

La nuova Raccomandazione affronta diverse questioni emerse recentemente nell'ambito del commercio elettronico tra cui: transazioni "non monetarie", ovvero in cui la fruizione di beni o servizi è "gratuita", di fatto scambiata con dati ed informazioni personali; transazioni consumer-to-consumer, basate sulle piattaforme online; ruolo dei meccanismi di valutazione da parte dei consumatori; crescente utilizzo di dispositivi mobili per l'e-commerce e conseguenti sfide tecniche per garantire l'efficacia degli elementi informativi nelle transazioni (as esempio, per via delle dimensioni ridotte degli schermi) o la loro memorizzazione; ruolo dell'economia comportamentale; privacy e sicurezza, soprattutto in transazioni Business To Consumers; livelli minimi di protezione dei meccanismi di pagamento, a seconda del dispositivo utilizzato; aggiornamento del ruolo delle autorità di protezione dei consumatori.
Per svolgere il lavoro il CCP si è consultato con la società civile, la Internet Technical community, l'ambiente business e si è avvalso delle competenze del Gruppo di lavoro Sicurezza e Privacy del comitato CDEP sull'Economia Digitale.
Per l'Italia, il processo è stato seguito dall'Autorità Antitrust (AGCM) che ha fornito numerosi suggerimenti per lo più accolti.