Veneto Banca apre la possibilità della conciliazione ai risparmiatori | Tuttoconsumatori - CNCU

 
14.04.2016

Veneto Banca apre la possibilità della conciliazione ai risparmiatori

A seguito delle numerose azioni legali e delle proteste dei soci che hanno perso gran parte dei loro risparmi, l'istituto di credito considera la possibilità di una procedura di conciliazione paritetica, verificando anche la disponibilità delle associazioni dei consumatori.
Successivamente dovranno essere definiti contenuti, modalità e criteri del protocollo di intesa volto a regolare la procedura.

Secondo la banca lo strumento della  conciliazione permetterebbe ai clienti di risolvere le controversie in “tempi enormemente più brevi” rispetto alla giustizia ordinaria, gratuitamente e senza adire le vie legali, perché non c’è un organo giudicante ma si può risolvere la controversia attraverso un confronto tra il conciliatore designato dalle associazioni e quello della banca che propongono alle parti i termini per la definizione di un accordo transattivo.
Proposta che comunque non sarebbe vincolante: rimane, infatti, intatta la possibilità di tutelare i propri diritti dinanzi alla giustizia ordinaria.
Altroconsumo commenta: “Notizia positiva, ma è solo un piccolo passo. A quando l’apertura di Banca Popolare di Vicenza?
L’Associazione chiede che la conciliazione sia trasparente e “gestita per compensare le perdite subìte dai risparmiatori, non per sbarazzarsi dei clienti invischiati nella malgestione”.

Altroconsumo sta vigilando affinché gli aspetti positivi della procedura di conciliazione – gratuità della procedura stragiudiziale, tempi brevi – non siano un’arma a disposizione della banca per chiudere la vicenda a poco prezzo.