Cancellazione voli Ryanair: il diritto alla libera circolazione non va in ferie | Tuttoconsumatori - CNCU

 
18.09.2017

Cancellazione voli Ryanair: il diritto alla libera circolazione non va in ferie

Le cancellazioni annunciate da Ryanair sono un fatto molto grave che calpesta i diritti dei passeggeri. La Compagnia cerca di fare confusione mischiando, a giustificazione, i fattori esterni, come ad esempio gli scioperi dei controllori di volo e il maltempo, con quelli interni quali l’impatto crescente delle ferie di piloti e personale di cabina. Ci troviamo di fronte ad una totale assenza di trasparenza e sorge il dubbio che vi siano altri motivi non esplicitati.
La decisione è stata adottata in totale spregio del dovuto contemperamento delle esigenze del vettore di programmare la propria capacità di trasporto per una corretta allocazione della stessa con le altrettanto legittime aspettative dei passeggeri di fruire dei voli acquistati. Infatti, oltre al rispetto del Regolamento n. 261/2004, la Compagnia ha l’obbligo di porre in essere quei comportamenti ulteriori che discendono dall'applicazione del più generale principio di buona fede a cui si ispira tutta la disciplina a tutela del consumatore.
Tutto quanto accaduto, inoltre, ha determinato un evidente effetto discriminatorio ed una sostanziale alterazione del gioco concorrenziale in quanto nei mesi scorsi se i passeggeri fossero stati a conoscenza della possibile cancellazione dei voli magari non avrebbero acquistato i biglietti e si sarebbero rivolti ad altre compagnie. E Ryanair non può certamente sostenere di aver scoperto improvvisamente che doveva concedere le ferie ai propri dipendenti. È mancata quindi anche la dovuta informazione, che deve essere "effettiva", trasparente e tale da realizzare lo scopo di rendere edotto il passeggero di ogni eventualità.

Risulta di tutta evidenza che ci troviamo di fronte ad una pratica commerciale scorretta sanzionabile dall’Antitrust. Ci si augura che su questa faccenda intervenga a tutela dei passeggeri anche l’ENAC, quale Autorità individuata dal Governo italiano a controllare il rispetto del Regolamento Comunitario 261/04, e lo chiederemo espressamente. E, da questo punto di vista, sarebbe interessante che Ryanair spiegasse in virtù di quali criteri ha scelto i voli da cancellare, e quali sono i voli cancellati programmati. Perché, in ossequio alla trasparenza, queste informazioni devono essere rese dalla Compagnia. 

«I fronti di tutela sono ampi: Antitrust, ENAC, rimborsi e risarcimenti ai singoli consumatori. Noi saremo presenti su tutti e tre tali fronti a tutela dei passeggeri» hanno dichiarato l’avvocato Carmelo Cali, responsabile trasporti Confconsumatori e Mara Colla Presidente Nazionale dell’associazione.

Per qualsiasi informazione ed assistenza ci si potrà rivolgere, anche da subito, alla mail disservizi.aerei@confconsumatori.it e al numero telefonico 340-7289212.